“Le piccolissime tragedie” di Cecilia Lombardi

Tra pochi giorni uscirà “Le piccolissime tragedie” di Cecilia Lombardi e vi facciamo leggere una parte della prefazione scritta dalla figlia: La Fenicotterona Rebecca.

Abbiamo bisogno di cattive notizie. Abbiamo bisogno di telefonare a sconosciuti, schernendoli, ringraziandoli, giurando amore eterno, perché i conoscenti non arrivino mai a capire l’infinito mondo che ci portiamo negli zaini. Perché i conoscenti è meglio che non sappiano, è meglio che tutto continui a marciare e marcire come ha sempre fatto nel nostro ideale di sicurezza, nelle nostre verità assolute, nei nostri dogmi che fin dal giorno “uno”, con le nostre esperienze, faticando, ci creiamo. E che si chiamino sportelli da riparare o scherzi telefonici o ricerca dell’archetipo, niente cambia. Essere occupati a diagnosticare un qualsiasi prossimo, una qualsiasi patologia, è peccare di presunzione, continuando a procrastinare l’unica cosa degna di pensiero, che poi è una domanda “Io cosa voglio davvero?” Per forza non siamo felici, siamo cattivi e stupidi. Una fotografia, chiara, immediatamente comprensibile, di un qualsiasi posto evocativo, di una persona che ci ha colpito particolarmente qualche tempo fa. “C’è una stanza in noi dove nessuno deve entrare, nemmeno per una sbirciata veloce, nemmeno se si abita lì vicino.”

Cecilia Lombardi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...